26 Febbraio 2019: De “La Grande Guerra cent'anni dopo” parla il Prof. Gianni Oliva in una serata interclub con i RC Torino Mole Antonelliana e Torino Europea.
L’illustre relatore ha sottolineato l’evoluzione della “donna” durante la grande guerra, l’emancipazione femminile avvenuta durante il periodo della guerra quando cinquemila uomini erano al fronte a combattere.
Dopo l’entusiasmante relazione il prof. Oliva ha risposto esaustivamente alle domande sottoposte dai soci.



Gianni Oliva nato a Torino il 26 ottobre del 1952, ha trascorso l’infanzia ed adolescenza a Coazze in Val Sangone, un territorio che in quegli anni conservava ancora solide tradizioni contadine e, insieme, era ricco di memorie di guerra e di racconti partigiani.
Ha frequentato il Liceo classico al “V. Gioberti” di Torino negli anni iniziali del movimento studentesco, quando erano considerati elementi di rottura i capelli lunghi e quando gli universitari di Palazzo Campana erano un mito per gli adolescenti. All’Università ha frequentato la Facoltà di Lettere con indirizzo storico e si è laureato nel 1975 con Alessandro Galante Garrone, un maestro di ricerca storica, ma anche di rigore civile e di onestà intellettuale. Subito dopo la laurea ha insegnato italiano e latino e storia e filosofia in scuole private prima, istituti tecnici e licei statali subito dopo.
Nel 1991 ha vinto il concorso da preside e per 9 anni ho diretto il “Baldessano-Roccati” di Carmagnola, un Istituto Superiore a più indirizzi, dal classico allo scientifico al tecnico commerciale. In seguito si è trasferito al liceo “Vittorio Alfieri” di Torino, dove è rimasto sino al 2005.
Rientrato nella scuola nel 2010, ha diretto prima il Liceo Scientifico “Volta” (con reggenza del L.S. “Segrè”) poi il Liceo Classico “Cavour” (con reggenza del L.C. “D’Azeglio”). Dal 1° Settembre 2014 fa il preside sotto casa, al Liceo Scientifico “Majorana” di Moncalieri.